White Page Gallery/s è un network artistico decentralizzato e distribuito nato a giugno 2019: si tratta di una rete online per la condivisione artistica composta da artisti, curatori, accademie, festival e operatori culturali che ospitano indipendentemente sul proprio sito web e senza scopo di lucro progetti di altri creativi.

L’esperimento è fondato su una nuova forma di pratica e cultura curatoriale in cui la fruizione dell’arte è re-immaginata grazie ad internet e alle pagine web, e soprattutto all’attiva partecipazione e collaborazione dei partecipanti.

White Page Gallery/s ha come presupposto il valore sociale della curatela artistica: quest’ultima, nel network WPG/s, è basata su valori quali la solidarietà, l’ospitalità, l’inclusione, l’altruismo e il supporto reciproco. Tratto distintivo di White Page Gallery/s è l’assenza di gerarchie, gatekeepers e vanità: tutti coloro che fanno parte del network hanno, infatti, totale e indipendente capacità decisionale rispetto a modalità, tempi e progetti artistici che scelgono di esporre nei propri spazi online. Il focus è quindi spostato dall’opera alla pratica e dall’artista alla community.

White Page Gallery/s ha come presupposto il valore sociale della curatela artistica: quest’ultima, nel network WPG/s, è basata su valori quali la solidarietà, l’ospitalità, l’inclusione, l’altruismo e il supporto reciproco. 

Tratto distintivo di White Page Gallery/s è l’assenza di gerarchie, gatekeepers e vanità: tutti coloro che fanno parte del network hanno, infatti, totale e indipendente capacità decisionale rispetto a modalità, tempi e progetti artistici che scelgono di esporre nei propri spazi online. Il focus è quindi spostato dall’opera alla pratica e dall’artista alla community.

Internet è una risorsa importante: se per gli artisti può essere un mezzo utile per mostrare il proprio portfolio artistico o far conoscere e promuovere il proprio lavoro globalmente, in casi straordinari si dimostra anche un’alternativa eccellente per la fruizione artistica. L’attuale situazione mondiale, lo stato di emergenza e di isolamento che stiamo vivendo, ha portato all’annullamento di molte mostre, festival, eventi e rappresentazioni artistiche: WPG/s, ancora di più in queste settimane di distanziamento sociale, promuove una serie di iniziative con lo scopo di rendere la permanenza a casa più sostenibile e leggera, operando per rendere l’arte virale e contagiare le persone con la creatività. Fondamentale è il messaggio sociale che il progetto vuole rendere cultura, cioè quello della solidarietà, unione ed inclusione contro la politica degli -exit, dei muri e dei confini blindati.

* Testo di Anna Utopia Giordano, Zsolt Mesterhazy, Domenico Barra /  Info → medium.com/@Altered_Data/white-page-gallery