Paesaggi corporei

“Il corpo è come una montagna. I muscoli e la pelle sono come una cascata altissima. L’intenzione è come il sole che fa evaporare l’acqua. Il vapore è energia che forma l’arcobaleno. L’energia riempie l’universo. Tu sei l’universo.” Li Bai A guardare i Foodscapes che Carl Warner ha prodotto negli ultimi trent’anni vengono subito in mente le…

Vota:

Il corpo è abitabile

Correva l’anno 1993 e Stelarc fu invitato alla Triennale di Melbourne. Invece di creare un’opera site specific, realizzò la prima scultura ingeribile della storia dell’arte. Il suo spazio non era né pubblico né privato, ma piuttosto “endoscopico”. L’opera consisteva in un cilindro di 50 mm di lunghezza e 15 di diametro, che poteva schiudersi aumentando di volume fino ad assumere…

Vota:

Bozzoli

Il bozzolo è un involucro protettivo all’interno del quale avviene la metamorfosi. Forma, materiale e dimensioni possono essere di varia natura ma, sempre, il bozzolo è la struttura che nasconde un corpo che cambia.

Vota:

Controllo remoto

L’esoscheletro Ekso somiglia a uno zainetto con un paio di gambe. E’ stato progettato a Richmond, in California, per trasformare i soldati dell’esercito americano in supereroi, permettendogli di portare pesi fuori dal normale; oggi invece aiuta i disabili a camminare. Quando lo indossano i pazienti possono alzarsi da una sedia, fare dei passi in linea retta, sedersi e rialzarsi…

Vota:

Sporgenze

Vestirsi non significa ricoprire il corpo di tessuto. L’abito non è una carta da parati, l’abito costruisce. L’abito dà forma. L’abito, oggi più che mai, ti dà la terza dimensione: le tecnologie digitali applicate al design dei tessuti permettono al corpo di aumentare di volume; i materiali sintetici ci aiutano ad occupare un posto nello spazio. Ecco come: Camice digitali: Mantelle 3D: Zainetti minimalisti:…

Vota:

Sei modi per espandersi nello spazio

Fermiamoci per un secondo e proviamo a farci una domanda: dove finisce il corpo? Fino a pochi anni fa la risposta sarebbe stata ovvia: oltre i miei piedi, sulla punta dei miei capelli. Finiamo oltre la pelle, l’epidermide è l’ultimo orizzonte. Eppure, come un tempo facevano notare Freud e Jung, l’uomo non ha mai abbandonato quel brutto…

Vota:

Qualcuno 2.0

E’ scientificamente provato che la maggior parte degli avvenimenti della nostra vita avviene in nostra assenza. Noi siamo aggiornati e ne prendiamo parte emotivamente, spesso anche in tempo reale, ma il nostro corpo di solito è altrove. Vostra sorella partorisce un nipotino in un ospedale di Bari e voi riempite di fazzolettini una scrivania di Settimo Torinese. Il ragazzo…

Vota: