Chi sono

Mi chiamo Federica Fontana, ma non ho posato per un calendario di GQ.  Sono una storica dell’arte nata a Milano e fuggita a Venezia, dove mi sono laureata con una tesi suicida che promuoveva gli interventi artistici contemporanei sul patrimonio medievale come un modello alternativo di valorizzazione.

Non avendo raccolto particolare successo ho pensato di creare un blog che fosse ancora meno popolare e dedicarlo al connubio tra arte e scienza.

Oltre che di arte e sfide impossibili da diversi anni mi interesso di comunicazione e cultura digitale, in particolare di come le nuove tecnologie modificano la nostra percezione del corpo, sia dal punto di vista sensoriale che da quello culturale.

Nella vita reale lavoro come addetto stampa in un’agenzia di monitoraggio dei media, il che significa che il mio compito è sapere sempre quello che succede. Scrivo articoli, recensioni e racconti e collaboro con varie realtà editoriali, sia web che su carta.

Sono fermamente convinta che il bisogno dell’uomo di comunicare sia secondo soltanto a quello di una connessione wireless.

La cosa che amo di più al mondo è raccontare.